Selinunte, Gibellina

ITINERARIO FUORI PALERMO

  • Selinunte, Tempio

 

  • Selinunte Parco Archeologico: Collina Orientale e Acropoli
  • Gibellina, Baglio Santo Stefano, Museo delle Trame Mediterranee
  • Gibellina Vecchia, Cretto di Albero Burri

DESCRIZIONE

L’appuntamento è all’ingresso del Parco Archeologico di Selinunte, la città greca più occidentale di Sicilia, distrutta dai cartaginesi nel 409 e nel 250 a.C. I suoi splendidi templi e la struttura urbanistica sono testimonianza di una comunità ricca e colta. Si visita la Collina Orientale e l’Acropoli.

Dopo una sosta sulla spiaggia di Marinella si prosegue per Gibellina Nuova, la cittadina che è sorta dopo il disastroso terremoto che nel 1968 distrusse i paesi della Valle del Belice, nel Baglio Santo Stefano si visita il Museo delle Trame Mediterranee, che ospita la più importante raccolta di arte contemporanea in Sicilia. Da qui si raggiunge Il Cretto di Alberto Burri, l’opera di Land Art più estesa d’Europa, con il quale l’artista ha voluto tramandarci i contorni di Gibellina distrutta dal sisma del 1968.

INFORMAZIONE SUL  PERCORSO

      • Durata:  8 ore
      • Lunghezza: Circa 60 Km, da Palermo 120 km
      • Punto di partenza delle visite: Ingresso del Parco Archeologico di Selinunte
      • Punto di arrivo delle visite: Gibellina Vecchia, Cretto di A. Burri
      • Giorni previsti per la visita: Da Lunedì a Domenica
      • Orario di partenza: Ore 9.00

Compenso guida € 250

N.B. Non tutti i monumenti sono accessibili ai visitatori con difficoltà motoria

I trasferimenti sono a carico dei clienti individuali o in gruppo